Turismo in sella

Le 5 località (più una) dove andare in vacanza con l'eBike... più una!

- L'Italia è uno dei Paesi più adatti per l'eMTB con panorami mozzafiato e sentieri ben tenuti. Ecco una lista pensata per i ciclisti di tutti i livelli
Le 5 località (più una) dove andare in vacanza con l'eBike... più una!

Questo è il periodo migliore dell'anno per andare in bici grazie alle belle giornate in cui il sole tramonta tardi e l’Italia è con ogni probabilità il posto migliore al mondo per avventurarsi in sella andando fuoristrada. Ci sono così tanti sentieri che non basterebbe un’intera vita per percorrerli tutti. Mentre altri Paesi spesso devono creare sentieri dal nulla, da noi basta trovare una montagna sopra ai mille metri per divertirsi su discese di più di un’ora.

Abbiamo viaggiato molto attorno al globo per testare bici e siamo stati in alcuni posti eccezionali ma l’Italia riesce sempre a essere al top in termini di qualità dei tracciati, bellezza e ricchezza culturale dei luoghi visitati quando si smette di pedalare. Proprio in quest’ottica abbiamo selezionato un po’ di posti che sono facilmente raggiungibili, ben segnalati e che offrano una vasta varietà di livelli di difficoltà per ciclisti di ogni tipo ed esperienza.

 

Finale Ligure

Conosciuta come la culla della mountain bike, con un'organizzazione eccezionale e più percorsi da esplorare rispetto a qualunque altro luogo che conosciamo, Finale è il fulcro del ciclismo sulla Riviera italiana. Con altitudini importanti e percorsi di collegamento ben segnalati oltre alla presenza di un’ottima rete di strutture ricettive, viene naturale andare alla ricerca dei bellissimi scenari liguri in sella alla propria MTB. Finale è anche facilmente accessibile a chi arriva dalle grandi città del Nord Italia in quanto si trova proprio sulla rete ferroviaria e autostradale.

L'intera città è orientata verso il ciclismo, con servizi locali e hotel adatti alle biciclette. Ci sono guide, navette, negozi di biciclette, servizi di noleggio, ma c’è anche la possibilità di godersi la spiaggia e il bel tempo.

Si può andare in bici la mattina e poi passare il pomeriggio con la famiglia sulla spiaggia, per poi fare un altro giro veloce la sera, stanchezza permettendo. Anche dal punto di vista dei costi i prezzi non sono molto alti, non è una zona troppo esclusiva, quindi è possibile trovare tutti i tipi di alloggio per tutti i tipi di budget.

I percorsi variano da facili a estremamente difficili, ce ne sono così tanti che può essere difficile scegliere. Se si ha intenzione di passare un po’ di ore fuori, è possibile collegare alcuni percorsi, spaziando da sentieri puramente enduristici a discese più ampie e scorrevoli o, in alternativa, a percorsi più brevi e tecnici.

Il tempo è sempre sostanzialmente buono e le piste sono aperte tutto l'anno. È difficile trovare un aspetto negativo. L’unico appunto, forse, potrebbe essere l’alto numero di persone che si riversano in questa località, rendendo ogni tanto i sentieri affollati e un po’ danneggiati.

La parte migliore di Finale è il fatto che quasi tutti i sentieri finiscono con viste spettacolari sul mare.
 

La Thuile

In termini ciclistici La Thuile è una grande montagna ed è aperta solo all'inizio dell'estate fino alla fine della bella stagione. Situata vicino al Monte Bianco e attrezzata con un servizio di risalita, i sentieri sono tutti abbastanza impegnativi, ma sono collegati anche da strade sterrate quindi, dal punto di vista tecnico, c'è qualcosa per tutti. Tuttavia, se si vuole percorrere discese molto lunghe, questo è il posto giusto per farlo.

La città è bike friendly e ha una varietà di alloggi, incluso il campeggio. Il motivo principale per venire qui è camminare o andare a cavallo. Ci sono grandi montagne intorno, il che significa anche condizioni climatiche variabili. Arrivare è abbastanza facile in quanto è a circa 30 minuti dall'ultima uscita dell'Autostrada in Italia prima di arrivare in Francia. Sono disponibili tantissimi parcheggi in tutta la città ed è facile trovare le piste ciclabili sia prendendo gli impianti di risalita o salendo direttamente in bici.

I sentieri sono di stampo enduristico, ben segnalati e rocciosi, quindi bisogna disporre di una bici adatta e anche una preparazione tecnica e atletica adeguata. I panorami che si vedono dai sentieri attraverso le montagne e i ghiacciai sono incredibili. A fine giornata sarete probabilmente stravolti ma con il sorriso sul viso.

Latsch

L'area intorno a Latsch è situata in una valle a ovest di Bolzano. Tutta quest’area è pensata per il ciclismo. Siamo venuti qui alcuni anni fa e siamo rimasti colpiti dai sentieri e dai panorami.

I vari percorsi sono ben distribuiti lungo le valli e richiedono per lo più buone prestazioni in salita, il che è perfetto per le bici elettriche. Esistono molti percorsi, quindi è consigliabile utilizzare un'app come Trail Forks o fare affidamento su di una guida locale. Abbiamo scoperto che la zona è molto biker friendly e molto aperta nei confronti del turismo legato allo sport. Ci sono svariati servizi correlati e alloggi adatti a tutti i tipi di tasche. Anche in questo caso arrivarci è facile sia con l’autostrada che in treno. I sentieri e le discese sono lunghi e di livello medio e non ci siamo mai trovati in difficoltà, fermandoci spesso ad ammirare il panorama, oltre che per diverse pause per degustare i sapori locali. Questi sono sentieri adatti all’utilizzo di due pacchi batteria se si vuole stare in sella tutto il giorno.

Parco Regionale del Taburno / Camposauro tra Caserta e Benevento

Intorno all'area di Napoli si trova un numero significativo di sentieri che partono da altitudini superiori ai mille metri d’altitudine. La Taburno Trail Arena, situata tra Caserta e Benevento, è uno degli esempi di sviluppo di questa disciplina nel Sud Italia.

Arrivare è facile con le zone di accesso ai sentieri raggiungibili in auto da tutte le principali aree urbane della zona, ma anche per chi arriva da fuori in autostrada. Le città della zona si sono avvicinate da poco agli sport su due ruote e, di conseguenza, i servizi offerti non sono ancora paragonabili a quelli del Nord ma è comunque disponibile un servizio di navetta.

La location è straordinariamente bella, con la possibilità di raggiungere alcune località spettacolari con sentieri di livello medio-alto. Il tempo è ovviamente più stabile man mano che ci spostiamo più a Sud, ma c‘è comunque da tenere a mente che sono zone di montagna, quindi la situazione meteorologica può cambiare rapidamente. Tuttavia si è vicini ad alcune delle città più belle, ma anche ad aree costiere rinomate. I percorsi sono ben segnalati sulle app Trail e vanno dal livello blu al nero.

Rincine Trail Area

Siamo venuti a conoscenza di questa località grazie ad alcuni suggerimenti. Rincine è circa un'ora a est di Firenze, è accessibile in auto, ma è un luogo abbastanza remoto e quasi sconosciuto ai locali. Qui si può arrivare facilmente da qualunque parte vi troviate, il che significa che c’è gente che arriva della Toscana o anche dall'Emilia Romagna. Nelle giornate più limpide, dalla cima, è possibile scorgere la costa di Rimini e dall'altra parte la costa di Pisa. La posizione è perfetta anche perché il tempo è abbastanza stabile per una zona di montagna e ci si può venire praticamente undici mesi l’anno.

Rincine non offre molto oltre a un piccolo campeggio e non ci sono negozi in zona, tuttavia c’è uno dei migliori ristoranti di sempre. A riprova del fatto, c’è sempre un gran numero di auto e di moto parcheggiate davanti durante i fine settimana. Se volete mangiare lì, dovete prenotare, ma sarete ricompensati dagli sforzi della giornata. L'area fa parte di un parco nazionale, quindi il panorama è realmente incredibile.

I sentieri partono dalla destra della strada e salgono fino a 1.360 metri, per poi scendere fino a 500 metri. Sono alcuni dei sentieri meglio mantenuti che abbiamo percorso e spesso ci i trova da soli in mezzo alla natura. Qui si trovano percorsi per tutti i livelli di capacità e sono ben collegati tra di loro da strade sterrate semplici e da sentieri di collegamento. È inoltre disponibile una mappa dei sentieri.

Questa è una delle località principali in cui testiamo le biciclette in quanto sono presenti tutti i tipi di tracciato. I panorami sono incredibili e, visto i lpoco afflusso di pubblico, possiamo utilizzare prodotti ancora non commercializzati e che non possono essere svelati al pubblico.

Alpe d’Huez

Volevamo aggiungere alla lista anche una località al di fuori dei confini italiani che fosse facilmente accessibile e ideale per i ciclisti di ogni livello.

L’Alpe d’Huez nelle alpi francesi rientra perfettamente in quella descrizione, offrendo molti servizi ai ciclisti e ottime strutture ricettive. Arrivare in auto è facile dal Nord Italia e c'è anche tutto ciò di cui si potrebbe aver bisogno per intrattenere la famiglia. L'area è ben servita da impianti di risalita.

I percorsi sono davvero ben tenuti e ben realizzati ma, soprattutto, sono adatti a tutti i tipi di ciclisti. Ci sono alcune discese pazzesche che partono dalla cima del Pic Blanc a oltre 3.000 m di altitudine. Uno degli eventi ciclistici più famosi del mondo, "The Mega Avalanche", si svolge qui, anche se quest'anno è stato ovviamente sospeso. Non possiamo raccomandare abbastanza questo posto, ogni volta che ci siamo stati ci siamo divertiti. Anche gli impianti di risalita sono super veloci, quindi se si vuole pedalare senza sosta tutto il giorno, si può.

Conclusione

Ci sono davvero troppi posti in cui andare a divertirsi in Italia per essere racchiusi in una lista. La passione per la costruzione e la manutenzione dei sentieri è sconfinata, sia a Nord che a Sud e ci piacerebbe testare ogni singolo chilometro. Speriamo che apprezziate i nostri consigli e aspettiamo di conoscere quali sono i vostri sentieri preferiti.

  • maxxa, Sondrio (SO)

    LIVIGNO!!!!
  • Massimiliano3064, Concesio (BS)

    Concordo per Finale Ligure e Pietra Ligure, indiscusse capitali della mtb però vocata all'enduro (elettrica o non e), ma non particolarmente interessante per xc. Toscana decisamente andava citato la zona di Punta Ala dove, esiste persino un enorme camping votato alla mtb, con tanto di guide. Inoltre la zona si presta bene oltre che all'e-bike anche al xc. Sicuramente Livigno, altra capitale della MTB italiana, con sentieri naturali e 2 bike park notevoli. E poi non dimentichiamo il Lago di Garda, sud xc e nord e-bike ed enduro, e il Baldo più per escursioni, e il FAI della Paganella che insieme a Livigno offre park molto estesi.
Inserisci il tuo commento