novità elettrico

Nuovo BMW CE 04: rivoluzione silenziosa

- Presentato durante un evento streaming il nuovo scooter elettrico di BMW. Il CE 04 unisce design e soluzioni di connettività: due versioni con potenza e autonomia differenti, batteria agli ioni di litio e schermo a colori TFT da 10,25 pollici di serie con navigazione a mappe integrata e ampia connettività
Nuovo BMW CE 04: rivoluzione silenziosa

La "rivoluzione silenziosa" arriva nelle città, e probabilmente è soltanto l'inizio. BMW presenta il nuovo scooter elettrico CE 04, un vero e proprio salto quantico in termini di tecnologia e design rispetto al suo predecessore C Evolution: totalmente nuovi i concetti che hanno sotteso la progettazione e la realizzazione del nuovo arrivato BMW, che prende le mosse da Concept Link presentato nel 2017 che è confluito poi nel Definition CE 04 presentato nel 2020, prototipo molto vicino al CE 04 appena introdotto: una storia che parte da lontano, evolutasi adesso nel secondo step e che potrebbe presto preludere ad altre evoluzioni, trascinata dalla tecnologia e dal know-how in campo elettrico già messa in campo da BMW sulle proprie automobili.

 

 

Come è fatto

Il nuovo CE 04 è dotato di un motore elettrico a magneti permanenti raffreddato a liquido - montato nel telaio tra la batteria e la ruota posteriore - che sviluppa una potenza di picco da 42 CV e nominale di 20, più che sufficienti per passare da 0 a 50 km/h in 2,6 secondi. È disponibile, per la classe di potenza ridotta L3e-A1, un'unita motrice da 31 CV e nominale di 15, ed entrambe le versioni toccano una velocità massima dichiarata di 120 km/h, a garanzia di una buona velocità di crociera sulle strade extraurbane.

L'autonomia rappresenta uno dei punti nevralgici dei veicoli elettrici e nel caso del BMW CE 04 si è cercato il miglior bilanciamento tra ingombro e range: la batteria da 60,6 Ah (8,9 kWh) fornisce un'autonomia di circa 130 chilometri (la versione a potenza ridotta invece ha un'autonomia dichiarata di 100 km), chilometraggio reputato sufficiente per l'uso cittadino quotidiano e nei piccoli tour dopo il lavoro o nel fine settimana. Tre modalità di guida: "ECO", "Rain" e "Road" in dotazione standard, la Modalità"Dynamic" è disponibile come optional di fabbrica.

Bilanciamento ricercato, oltre che nell'autonomia, anche nelle temperature di utilizzo della batteria: se da un lato è necessario evitare temperature eccessivamente basse perché questo si traduce in un enorme aumento della resistenza interna delle celle e in perdita di potenza, d'altra parte le alte temperature nuociono alla durata delle celle. Nella batteria del CE 04 si è optato per un sistema di raffreddamento ad aria tramite una piastra con alette di raffreddamento disposte longitudinalmente sul lato inferiore del veicolo.

 

Tecnologia derivata dal mondo auto - pensiamo alla BMW 225xe Active Tourer - per la ricarica della batteria agli ioni di litio: viene usato il dispositivo di ricarica integrato, sia attraverso le normali prese domestiche sia nelle wallbox o nelle stazioni di ricarica pubbliche. Quando la batteria è completamente scarica, il tempo di ricarica è di circa 4 ore e 20 minuti. Attraverso il caricatore rapido disponibile come optional con una potenza fino a 6,9 kW (2,3 kW è il livello standard), il tempo di ricarica si riduce a 1 ora e 40 minuti con batteria completamente scarica. Se, invece, il livello della batteria è al 20 per cento e la batteria viene caricata all'80 per cento (range che viene individuato da BMW come uno dei più frequenti per la destinazione d'uso del CE 04), il tempo di ricarica si riduce a 45 minuti attraverso il caricatore rapido opzionale. Durata delle batterie? BMW fa leva - giustamente - sul proprio know-how mutuato dal settore automobilistico, e di fatto dichiara una durata delle batterie coincidente con la vita utile del veicolo.

Alla stabilità dello CE 04 provvede il sistema ASC (Automatic Stability Control) ed è paragonabile all'Automatic Stability Control delle moto BMW con motore a combustione. L'ASC limita la coppia del motore in relazione allo slittamento della ruota posteriore. Il Dynamic Traction Control (DTC), mentre il DTC (Dynamic Traction Control) che prevede anche la rilevazione dell'inclinazione del veicolo per la gestione della stabilità è disponibile come optional di fabbrica. Il telaio è in tubi d'acciaio con un interasse di 1675 mm e un angolo di sterzo pari a 63,5°, mentre le sospensioni si affidano anteriormente a una forcella telescopica da 35 mm e 110 mm di escursione; posteriormente è presente un ammortizzatore che agisce sul singolo braccio oscillante per un'escursione di 92 mm. Il peso a vuoto è di 213 kg "road ready".

La trasmissione finale è a cinghia dentata, garanzia di manutenzione limitatissima e di dolcezza nella trazione, mentre la gommatura è quasi motociclistica, se non fosse per il diametro dei cerchi: con 120/70 R15 67H all'anteriore e 160/60 R15 56H al posteriore, su cerchi da 3,5 e 4,5 in alluminio. Di stampo motociclistico anche l'impianto frenante con tubi in treccia metallica, doppio disco anteriore da 265 mm e pinze a quattro pistoncini; 265 mm anche per il disco posteriore, morso da una pinza a pistoncino singolo. D'obbligo l'ABS Bosch 9.3 2 a due canali, che può diventare ABS Pro, disponibile come optional, attivando la funzione cornering e di rilievo la possibilità di retromarcia attraverso la pressione di un interrutore, ovviamente a passo d'uomo.

La strumentazione è il centro anche della connettività del CE 04: il display a colori TFT da 10,25" Full HD supporta la navigazione a mappe integrata e con visualizzazione direttamente nel dashboard, anche attraverso l'integrazione e l'uso dell'app BMW Motorrad Connected sullo smartphone.

Il display offre la visualizzazione a schermo intero o diviso per visualizzare più funzioni contemporaneamente, rendendo possibile vedere le informazioni di navigazione, una telefonata in corso o un contenuto multimediale. Ma uno dei punti chiave dell'intergrazione tra smartphone e CE 04 è la possibilità di offrire la navigazione cartografica grazie all'architettura basata su smartphone e gestita tramite wirelss LAN.

Inoltre, lo schermo offre ulteriori informazioni, come la visualizzazione dello stato di carica della batteria (SOC = State of Charge) e il bilancio energetico che indica se l'energia viene convertita in propulsione o recuperata, aiutando il pilota a ricavare la massima efficienza energetica possibile dalla guida.

È presente sul lato sinistro un vano ventilato e impermeabile per riporre in sicurezza uno smartphone ed è disponibile una presa USB-C per la ricarica fino a 1,5 A (capacità di ricarica fino a 12 W) e, a proposito di vani, ne sono stati ricavati lateralmente e anteriormente. Il vano laterale può ospitare un caso e  può essere azionato da seduti.

Ultimo capitolo, l'illuminazione: è Full Led, comprese le spie di servizio, ma è possibile scegliere come optional di fabbrica le luci adattive Headlight Pro, che accende elementi LED aggiuntivi nel faro principale, dotati di riflettori propri, a seconda dell'angolo di inclinazione. La luce di svolta si accende automaticamente da un angolo di inclinazione superiore a 10° e a velocità superiori a 10 km/h. L'effetto luminoso aggiuntivo può essere percepito perfettamente fino a un angolo di inclinazione di 25°.

 

Prezzi e disponibilità

Sul mercato italiano il CE 04 nella versione da 31 kW/46 CV sarà disponibile a 12.550 euro c.i.m, che possono aumentare a seconda degli optional scelti (singolarmente o in "Pack"), mentre per il lancio commerciale dell'innovativo scooter elettrico BMW dovrebbe avvenire entro i primi mesi del 2022. Potrebbe essere soltanto l'inizio, dicevamo: come BMW stessa ha dichiarato, la sigla CE 04 lascia molto spazio "sotto" (CE 02, per esempio) o "sopra" per ulteriori veicoli di segmenti diversi e, anche se potrebbe essere soltanto una suggestione, solo pochi anni fa abbiamo avuto modo di provare un interessante prototipo di moto elettrica proprio nel loro centro di sperimentazione di Miramas, in Francia...

  • DSpallas, Padova (PD)

    ma stiamo scherzando, se questi sono i numeri, ne venderanno 5..
    improponibile, ridicolo....
  • ElBaloss, Pizzo (VV)

    Non riesco a comprendere come si possano spendere 12.000 euro, (DODICIMILA!), per un mezzo con una autonomia di 100km e che a carica esaurita necessita di stare fermo almeno 3 ore. Magie del marketing e della noia di esser ricchi.
Inserisci il tuo commento