Eventi

Al "Tour delle 4 Regioni" con la Suzuki V-Strom 1050XT

- Arriva una e-mail in redazione che sa di sfida: 180 km tra asfalto e off road alla scoperta delle valli e dei percorsi panoramici intorno al passo del Giovà, valico dell’Appennino ligure dove si incrociano i confini di 4 regioni. Partiamo

Dopo la presentazione della nuova Suzuki V-Strom 1050 XT fatta da Andrea Perfetti in Spagna, siamo tornati a guidare la maxi enduro alla scuola di fuoristrada con il nostro Francesco Paolillo.
Dopodiche Suzuki Italia ha organizzato l'adventuring delle 4 regioni. Tour tra asfalto e Off Road che sarà presto disponibile anche per gli appassionati e non per forza possessori di Suzuki.

Arriva una e-mail in redazione che sa di sfida: 180 km tra asfalto e off road alla scoperta delle valli e dei percorsi panoramici intorno al passo del Giovà, valico dell’Appennino ligure dove si incrociano i confini di quattro regioni (Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Liguria) per testare le capacità e la versatilità della V-Strom 1050 XT.

A equipaggiare la maxi di casa Suzuki saranno le Anlas Capra R, pneumatici pensati per un utilizzo misto strada e off-road.

Si parte dal bellissimo Agriturismo La Dogana presso il Castello di Luzzano a Rovescala (PC), sede anche della Suzuki Academy che ha messo insieme il percorso.

È un continuo alternarsi tra asfalto e sterrato. Si attraversano paesini caratteristici, vigneti pregiati, boschi secolari. Arriviamo al giro di boa, il monte Lesima. Questo promontorio si trova al confine tra le province di Piacenza e Pavia ed è una delle vette più alte dell'Appennino ligure, infatti misura 1.724 m.
Nella seconda parte del tour tocchiamo il passo del Brallo(PV), il passo del Penice(PC) e Zavattarello(PV) passando all'interno della riserva naturale Monte Alpe. Torniamo alla base a Rovescala, stanchi impolverati ma molto felici, percorrendo le bellissime curve attorno al lago di Trebecco (PC).

In tutto questo come si è comportata la V-Strom 1050 XT? Il peso, che potrebbe intimidire soprattutto in off road, è neutralizzato da un bilanciamento e una maneggevolezza fuori dal comune.
La moto è versatile e si destreggia senza difficoltà in tutte le situazioni che si sono presentate.

Posizione in sella azzeccatissima, sia da seduti, che quando si guida in piedi. Triangolatura ottima, resa possibile grazie a una sella molto stretta tra le gambe, pedane posizionate correttamente e manubrio all'altezza giusta.
L'anteriore, equipaggiato con forcella Kayaba da 43mm completamente regolabile e cerchio da 19", si è rivelato preciso, comunicativo e stabile sia su asfalto che in fuoristrada riuscendo a trasmettere molta sicurezza. A completare la ciclistica abbiamo il telaio a doppia trave in lega leggera d'alluminio e il monoammortizzatore posteriore KYB regolabile.

Il motore ha un'ottima schiena, su sterrato basta un filo di gas per farlo arrampicare ovunque. Su asfalto il bicilindrico spicca per elasticità e linearità, i 107 cv e 100mn di coppia sono più che sufficienti per divertirsi anche nel misto stretto.
Il comparto elettronico, che su questa V-Strom è di tutto rispetto, e poco invasivo. Ho provato a far intervenire l'ABS in offroad, che non è escludibile ma regolabile su due livelli, e bisogna proprio andare a pinzare per azionarlo, altrimenti non interferisce con la guida.

Una chicca è il sistema Hill Hold Control System. La piattaforma inerziale percepisce una pendenza, quindi bastano un paio di pompate sul freno anteriore e la moto rimane frenata automaticamente finché non ripartiamo.

Dopo 180 chilometri su ogni tipo di terreno la moto è risultata estremamente confortevole, gambe, braccia e schiena ringraziano!

Con questo adventuring delle quattro regioni, organizzato con l'ausilio di Nicola Poggio, responsabile della Suzuki Academy e organizzatore anche della Hardalpitour, la moto ha dimostrato di essere pronta a tutto.

La bicilindrica non è solo una tourer di tutto rispetto, ma riesce ad affrontare qualsiasi superficie senza indecisioni, anzi aiutando anche i meno esperti a uscire da situazioni non troppo semplici.

Enrico De Conti

  • BoBtheViking, Brescia (BS)

    niente..nessuna risposta...sigh!
    peccato,mi sarebbe stata molto utile in una decisione che sto per prendere...ultimamente sono attratto dalle enduro/stradali perchè mi piacerebbe provare a mettere le ruote anche sugli sterrati ma se dovessi cambiare la mia naked per poi ritrovarmi a poter fare solo asfalto,ne rimarrei alquanto scocciato..
    grazie
  • BoBtheViking, Brescia (BS)

    ma quelle strade sterrate sono aperte al pubblico o è stato dato un nullaosta per quella giornata?
    e se sono aperte al pubblico non si potrebbe avere una mappa per piacere?
    Sono sempre più interessato a passare da una naked ad una enduro stradale (non maxi) per poter fare un po di sterrati ma qui in lombardia non ce ne sono molti percorribili liberamente.
Inserisci il tuo commento