MotoGP

Anche Dani Pedrosa per l’ultimo saluto a Jason Dupasquier, accompagnato da 500 moto in corteo

- Solo 300 le persone che hanno potuto assistere alla cerimonia funebre, con il feretro che, poi, è stato accompagnato verso la sepoltura nel cimitero di Sorens da un lunghissimo corteo di motociclisti

La basilica di Saint-Pierre-aux-Liens a Bulle, in Svizzera, ha potuto accogliere circa 300 persone per l’ultimo saluto a Jason Dupasquier, il diciannovenne pilota svizzero rimasto vittima di un terribile incidente durante le qualifiche del GP d’Italia al Mugello. Ma a volergli portare un saluto sono stati molti di più, quasi tutti in moto, con un lunghissimo corteo di due ruote che ha accompagnato il feretro sia prima dell’ingresso in basilica, sia successivamente verso la sepoltura nel cimitero di Sorens.

Presente anche Dani Pedrosa, particolarmente sconvolto per le sorti del giovane pilota svizzero con cui si allenava spesso, oltre, ovviamente al Team Prustel al gran completo e al mentore di Dupasquier, Thomas Lüthi, insieme agli altri piloti svizzeri Dominique Aegerter e Jesko Raffin

  • remoletto, Calderara di Reno (BO)

    R.I.P. piccolo GRANDE pilota
  • Mauro XC, Occhieppo Superiore (BI)

    I motociclisti strana razza, capaci di stupidaggini inaudite ed immensi slanci d'umanità, ma del resto..., chi vive di passione è così , ESTREMO !!!

    Orgoglioso di questa tribù
Inserisci il tuo commento