special

BMW R 18 "The Wal". La Big Boxer di Shinya Kimura

- BMW Motorrad presenta la nuova moto SoulFuel, è una R 18 rivista dal customizer giapponese, ma trapiantato in California, Shinya Kimura. È la terza SoulFuel su base R 18 dopo le realizzazioni di Roland Sands e Dirk Oehlerking
BMW R 18 The Wal. La Big Boxer di Shinya Kimura

Shinya Kimura non avrebbe quasi bisogno di presentazioni: customizer della prima ora con la Zero Engineering, creatrice di linee minimaliste che hanno fatto scuola, successivamente talento televisivo con lo show Biker Build-Off del 2005 e poi fondatore della sua Chabott Engineering che abbiamo visitato qualche anno fa per toccare con mano le sue realizzazioni personali e certamente inconfondibili.

Shinya è un riferimento nel mondo delle special ed è uno dei pochi customizer che non realizza progetti in 3D, mockup o disegni, le sue moto nascono affidandosi al suo talento e all'ispirazione del momento: realizza i pezzi mano a mano che il progetto procede lasciandosi trasportare da quello che la moto gli trasmette in termini di ispirazione e immaginazione. Oggi produce poche motociclette all'anno, esclusivamente per i clienti verso i quali sente un’empatia reciproca e nessuna pressione. La grande passione che lo guida, che lui stesso definisce "Passione per tutte le moto che sono nate in questo mondo" lo ha portato a creare la sua special su base BMW R 18, la "The Wal" che è la terza one-off su base R 18 realizzata per la serie "SoulFuel", la collaborazione tra BMW Motorrad e customizer affermati come Roland Sands e Dirk Oehlerking, che hanno curato le altre due special "big boxer".

 

 

Per Kimura, che conosciamo per le sue creazioni su base Harley-Davidson, Yamaha, Ducati, il progetto "The Wal" è partito con "Una visita al team di sviluppo della BMW Motorrad R 18 in Germania. Ho avuto modo di conoscere la passione sconfinata e la forza innovativa che prevale in BMW Motorrad. Infine, nel febbraio 2021 in California, ho guidato la R 18 standard per qualche centinaio di chilometri per prendere confidenza con il carattere della moto. Dopo averla conosciuta, ho creato la mia interpretazione personale della R 18, nella quale ho impiegato tutte le mie capacità di customizer" in un percorso di creazione che lo ha tenuto impegnato da febbraio alla fine di giugno per ultimare "The Wal" e ulteriori due settimane per alcuni affinamenti meccanici. 

La moto, tecnicamente non si discosta troppo dal modello di serie: "Ho costruito la R 18 interamente per me stesso. Quando ho guidato la R 18 di serie, ho pensato che si sarebbe adattata meglio alla mia corporatura e alle mie preferenze di guida se l'avessi progettata per essere un po' più “frontale” grazie a una carenatura. Ho deciso di mantenere il telaio, le ruote e gli pneumatici, così come gli elementi delle sospensioni e i freni perché non sentivo il bisogno di cambiarli dopo aver guidato la moto. Volevo anche essere in grado di guidare per lunghe distanze la mia R 18 sentendo e gustandomi il leggendario motore boxer. Era essenziale per me preservare i due caratteri della R 18 così come li ho vissuti durante la guida. Grazie al suo potente motore, da un lato la moto è selvaggia e ha una potenza quasi inesauribile, mentre dall'altro è totalmente affabile. Proprio come una balena, da qui il nome dell’animale in tedesco per questa R 18, che per me è qualcosa come uno "Sports Endurancer"".

Cambia il serbatoio, adesso più grande e più capiente di circa 3,8 litri, la sella è stata disegnata da Kimura e poi realizzata in Giappone da BACKDROP Leathers, mentre all'avantreno spunta una carenatura con due fari disposti asimmetricamente. Le pedane sono state arretrate di circa 5 centimetri, il manubrio adesso è 20 cm più stretto e posizionato 15 cm più in basso rispetto all'originale e la particolare verniciatura a trama grezza regala alla moto un aspetto unico grazie anche alla vernice in polvere color bronzo, applicata solo dopo che i componenti sono stati martellati per dare texture alla superficie: lo scarico resta quello di serie ma viene verniciato in nero.

 

"Quello che mi piace di più della mia versione della R 18 è che ho potuto cambiare lo stile e la posizione di seduta a mio piacimento senza intaccare l'eccellente funzionalità originale della R 18. Tuttavia, cambiare drasticamente la posizione della sella e aggiungere il mio stile e il mio gusto è stata una grande sfida nella mia interpretazione del patrimonio BMW. Inoltre, tutti i sistemi computerizzati e il cablaggio erano abbastanza nuovi per me e ho imparato molto", dice Kimura, soddisfatto del risultato.

Al di là dello stile, nelle moto di Kimura sono tantissimi i piccoli dettagli che potrebbero far innamorare e questa R 18 non fa eccezione: agli amanti del genere potrebbero brillare gli occhi alla vista della lavorazione del tappo del serbatoio, per la soluzione scelta per i due specchi retrovisori (uno piccolissimo sotto la manopola destra, l'altro in basso a sinistra poco sopra la testata), osservando la staffa che regge il cupolino, e così via in un mix di artigianalità ed estro che resta il marchio di fabbrica del customizer giapponese.

  • Gibix, Casnate con Bernate (CO)

    mi chiedo il motivo di far sempre passare queste orrende customizzazioni come opere d'arte e i loro autori come dei geniali creativi.
  • dab1968, Francavilla al Mare (CH)

    E c’è bisogno di questo tipo negli USA per vedere ste cose?
    Abbiamo garage, in Italia, con artigiani che saprebbero interpretare la R18 in maniera decisamente migliore in ottica di design.
Inserisci il tuo commento

Nuovo: Bmw R 18

Vedi tutti
Indietro Avanti

Usato: Bmw R 18

Vedi tutti
Indietro Avanti

Confronta moto

Confronta la moto selezionata con quella che vuoi, sia nuova che uscita dai listini.

Ad esempio puoi confrontare la moto che desideri acquistare con quella da te posseduta in questo momento e vedere le differenze.

Confronta