Aziende

Fantic Motor rileva la quota Yamaha in Motori Minarelli

- Un'operazione che rafforza la partnership strategica tra Yamaha Motor Europe e Fantic Motor e apre a nuove piattaforme
Fantic Motor rileva la quota Yamaha in Motori Minarelli

Alla scorsa edizione di Eicma Fantic Motor ha presentato le proprie fuoristrada con motori e telai Yamaha.

Oggi l'azienda veneta e Yamaha Motor Europe hanno annunciato il rafforzamento della loro partnership strategica operando affinché Fantic Motor acquisisca il 100% delle azioni detenute da Yamaha Motor in Motori Minarelli entro la fine del 2020.

Questa operazione prevede un consolidamento della sinergia esistente per rafforzare ulteriormente la collaborazione tra le due aziende nei settori delle motociclette e della mobilità elettrica.

La finalizzazione dell’accordo è prevista entro la fine dell'anno, previa consultazione con lo European Works Council di Yamaha Motor Europe e informazione al Local Works Council di Motori Minarelli.

Una partnership che, nelle intenzioni delle due parti, creerà sinergie tra la conoscenza del mercato, l'innovazione e la proattività di Fantic Motor e la grande competenza produttiva di Yamaha Motor.

Motori Minarelli potrà incrementare il proprio know-how in materia di motori a scoppio ed e-powertrain, amplierà la produzione entrando nel segmento della mobilità elettrica e potenzierà la competitività di Fantic Motor salvaguardando gli attuali livelli occupazionali.

Come risultato di questa acquisizione Fantic beneficerà della forza lavoro di Motori Minarelli, di un asset industriale aggiornato per sostenere la sua crescita, dell'aumento della capacità industriale e di Ricerca & Sviluppo, e dell'accesso a selezionati motori e componenti Yamaha dotati delle più recenti tecnologie.

Questa operazione è in linea con la strategia globale di Yamaha Motor per la produzione di motori che fa leva sull’incremento dell’efficienza attraverso l’implementazione globale della produzione di motori piattaforma, e sull’ottimizzazione della capacità produttiva attraverso il consolidamento della produzione di motori nei mercati dei volumi principali.

  • giorgio.ferraresi, Bologna (BO)

    Direi che è una gran bella cosa, specie se in effetti si riuscisse effettivamente a salvare Minarelli da un fallimento ormai prossimo salvaguardandone la forza lavoro.
Inserisci il tuo commento