Attualità

FMI: no ai rincari ingiustificati delle assicurazioni RC moto

- La Federazione Motociclistica Italiana promette di aprire colloqui con le istituzioni per scongiurare l'abrogazione della sospensione assicurativa e critica una norma del DDL Concorrenza che porterebbe ad aumenti dei costi RC
FMI: no ai rincari ingiustificati delle assicurazioni RC moto

Attraverso un comunicato la Federazione Motociclistica Italiana prende posizione sul tema dell'assicurazione RC dei motocicli in vista di possibili rincari.

Sono infatti più d'una le notizie che in questi giorni si rincorrono nel mondo delle assicurazioni. La più recente riguarda il DDL Concorrenza, in corso di esame da parte del Governo, che renderebbe obbligatorio l'indennizzo diretto da parte delle compagnie assicuratrici.
Ciò significa che anche le compagnie straniere, quelle che oggi si sottraggono a tale strategia e che sono in grado di proporre agli utenti motociclisti tariffe più vantaggiose, saranno in futuro obbligate ad uniformarsi alla pratica dell'indennizzo diretto.
Se il Governo dovesse prendere tale decisione, le tariffe assicurative sono destinate ad aumentare in maniera considerevole.

La seconda notizia viene dall'Unione Europea: è in procinto di emanare una nuova direttiva che impedirà la sospensione delle polizze assicurative in caso di mancato utilizzo delle moto.
Una volta emanata la legge europea, e considerando i tempi di attuazione di ogni singolo Paese, tutti i veicoli, compresi quelli in disuso, dovranno essere assicurati. Addio dunque alle sospensioni stagionali e alle polizze attivate per ridotti periodi di tempo.

Per recepire le indicazioni europee l'Italia avrà due anni di tempo, nel corso dei quali – scrive il comunicato - la federazione aprirà colloqui con le istituzioni nazionali perché, nell'ambito della discrezionalità che ogni paese europeo ha nel recepimento di una direttiva, garantisca agli utenti la sopravvivenza della sospensione delle polizze.

"Abbiamo lavorato moltissimo e con successo in Europa per evitare che la direttiva coinvolgesse il Motorsport – ha commentato Giovanni Copioli, presidente FMI -, abbiamo rischiato infatti l'obbligo assicurativo anche nelle nostre competizioni, tradizionalmente regolamentate in maniera differente. Abbiamo inoltre fatto accordi a livello nazionale con polizze vantaggiose per i tesserati FMI sia per i veicoli d'epoca che per le moto moderne. Continueremo a lavorare e a dialogare sull'obbligo assicurativo per i veicoli fermi, e faremo valere le nostre ragioni nei confronti delle Istituzioni affinché capiscano e recepiscano le istanze dei motociclisti. Auspico che il Governo non voglia prendere provvedimenti che finiranno per vessare i motociclisti con tariffe più alte, perché il nostro settore è strategico anche per una migliore mobilità”.

  • mar66, Palermo (PA)

    l'indennizzo diretto è una gran fregatura,in caso di sinistro ci guadagna anche la propria compagnia,nessuno fa niente per niente e inoltre viene consigliato di non prendere un legale per non allungare i tempi di risarcimento,questo è quello che dicono,per chi ci crede ed è scemo... ci sto avendo a che fare io a seguito di un incidente con l'auto,avendo ragione.
  • andrea.baudraz1, Macerata (MC)

    Lamentarsi con il Governo Italiano per qualcosa che viene deciso a livello europeo è come urlare al vento.
    Meglio sarebbe che la FMI si coordinasse con le altre Federazioni Nazionali presentando unitamente le stesse rimostranze nella sede opportuna.
    Stiamo procedendo in un percorso unitario e solo percorrendo la stessa strada sarà possibile far sentire la propria voce ed ottenere qualche risultato ... Forse!
Inserisci il tuo commento