faranno sul serio?

In Germania crociata contro le moto: fanno troppo rumore. Al vaglio limiti alla circolazione

- Il 15 maggio 2020 il Consiglio federale tedesco ha votato un delibera volta a limitare le emissioni sonore di tutte le nuove motociclette a un massimo di 80 dB. Per fortuna non è ancora legge e non è in vigore, ma la risoluzione è già stata trasmessa al governo federale, che deciderà se e quando dare seguito al suggerimento del Consiglio federale
In Germania crociata contro le moto: fanno troppo rumore. Al vaglio limiti alla circolazione

Il 15 maggio 2020 il Consiglio federale tedesco ha votato un delibera volta a limitare le emissioni sonore di tutte le nuove motociclette a un massimo di 80 dB. Per fortuna non è ancora legge e non è in vigore, ma la risoluzione è già stata trasmessa al governo federale, che deciderà se e quando dare seguito al suggerimento del Consiglio federale.

Sono allo studio anche sanzioni molto più severe per chi modifica il sistema di scarico della moto al fine di aumentarne il rumore. Si potrebbe persino arrivare anche al divieto di modifica per questo componente.
E’ partita una vera crociata contro le moto, come sottolineano i nostri colleghi di Motorrad. Pensate che gli stati federali hanno avanzato la richiesta per i propri agenti di polizia di messa in sicurezza (tradotto: ganasce e ciao) sul posto della moto troppo rumorosa e, addirittura, di confisca. Un provvedimento che va ben oltre la semplice sanzione pecuniaria – giustissima, se la moto è oggettivamente troppo rumorosa – e ci pare incredibile, per non dire folle.

Il consiglio federale tedesco è sul piede di guerra e mica si ferma al rumore. Per questi signori i motociclisti riuscirebbero spesso a evitare le multe, perché il guidatore è meno riconoscibile rispetto agli altri mezzi. Indossa il casco e non ha una targa anteriore. Siamo perplessi: viaggiamo spesso in Germania anche per i test di Moto.it e tutti questi comportamenti altamente criminali non li abbiamo mai visti. Ma proseguiamo.

Le moto fanno troppo rumore, dicevamo. Bisogna tappare questi benedetti scarichi alle moto nuove, chiede il consiglio. Si accontenterà? Ovvio che no. Chiede che venga limitata la circolazione la domenica e nei giorni festivi e che, al contempo, si sostenga il passaggio a una mobilità sostenibile.

I motociclisti tedeschi sono in allarme e hanno lanciato una petizione online per fermare questi provvedimenti.
Ci schieriamo ovviamente dalla loro parte e incrociamo le dita. Forse il lockdown e le giornate senza rumore in Germania a qualcuno hanno dato un po’ alla testa. E voi, cosa ne dite?

  • marco.visentin4463, Ton (TN)

    Gia adesso qui in trentino a/a vengono migliaia di mototuristi tedeschi credo oltre che per le curve anche per l impunita che le nostre strade garantiscono. Se fanno leggi peggiorative ne verranno il doppio. Buono per i conti del turismo. Purtroppo non sono dei gran manici e se ne ammazzano tanti...
  • Vintagetech, Torino (TO)

    Fosse così anche in Italia... Ci sarebbe, finalmente, una bella falciata ai tarri col Tmax con lo scarico aperto, ancora più aperto dopo averlo acquistato. Idem su altre moto preparate per il gran premio della bistecca al bar dello zozzo o custom-martello pneumatico o ancora mezzi da sopravvivenza con bauloni metallici per potervi mettere il cellulare. Basta, a me piace il rumore che suona pieno, non la caciara. Io giro con tante mie special ma che non fanno baccano ( o ciadèl, detto localmente ), compresi supermono, bicilindrici, tricilindrici e 4cilindri. Quando sento passare stí Peppino u pilota provo solo fastidio. Poi, anche col mezzo silenziato, ci và civiltà. Il baccano lasciamolo a chi fà le reali gare di drag in pista, non tra i pedoni. A volte trovo più civili i personaggi del Joe Bar Team.
Inserisci il tuo commento