Trial

Trial. Toni Bou conquista il suo 28° titolo

- Il pilota spagnolo si aggiudica il 14° mondiale di TrialGP che va ad aggiungersi ai 14 vinti nella specialità indoor
Trial. Toni Bou conquista il suo 28° titolo

Toni Bou è campione del mondo TrialGP per la 14ª volta. Ha conquistato il titolo a Lazzate, portando il numero di mondiali vinti a 28, tra titoli indoor e outdoor. La vittoria matematica di Bou è arrivata con una gara d'anticipo, dopo la manche di sabato.

"Non mi aspettavo di vincere il campionato già oggi - ha commentato-. È stata una prova molto serrata, come tutte le altre quest'anno, quindi è stato molto facile passare dal primo al settimo posto, quindi non potevo permettermi di fallire. Sono super contento di questo titolo, e ancora di più quest'anno, che è stato così strano con tanti allenamenti e poche prove. Abbiamo vinto entrambi i titoli, indoor e outdoor, di cui sono molto contento. Ora è il momento di divertirsi e festeggiare.

Negli annali sportivi trovare un atleta che ha inanellato ben 14 titoli mondiali consecutivi (28 se contiamo anche i mondiali indoor) non è cosa facile. E’ qualcosa che va ben oltre l’impresa sportiva ed entra a buon ragione nel guinnes dei primati. Nel mondo del motociclismo un tale risultato è pressoché inumano considerati i titoli vinti da fenomeni quali Agostini nella velocita, Stefan Everts nel motocross, e Juha Salminen nell’enduro.Titoli vinti oltretutto in classi diverse.

Numeri impressionanti quelli dello spagnolo, che ci raccontano di stagioni dominate come questa appena conclusa. Sei vittorie di giornata su otto disponibili e alcuni casi vittorie schiaccianti con distacchi impressionanti. Vederlo in azione Lui e la sua Montesa 4rt sono una delizia per gli occhi e le sue performanche sono riportate negli account instagram di tutti i campioni delle due ruote qualunque sia la specialità.Toni è toni..punto.

L’ultimo “show” è andato in onda domenica a Lazzate (MI) nel campo trial Batù in occasione della manche italiana del mondiale trial dove il fuoriclasse spagnolo ha condotto una gara superlativa vincendo entrambe le giornate senza mai mettere in discussione la sua superiorità. Non una stagione facile per Toni iniziata con la scelta di non disputare il campionato spagnolo per preservare il piu possibile il fisico in vista del mondiale e complicata dal Covid che ha destabilizzato tutta la preparazione 2020.

Nulla hanno potuto Adam Raga ( spagnolo,2 titoli mondiali, 13 volte vice campione del mondo e due vittorie quest’anno) e Jaime Busto (spagnolo anche lui)considerato l’astro nascente del trial. Toni, 34 anni il prossimo 17 ottobre, domina la scena trialistica mondiale da 14 anni e vista la facilità con la quale si è aggiudicato anche l’iride 2020 c’è da pensare che anche il prossimo anno la persona da battere sarà ancora lui. Lui che non ha mai voglia di smettere e che trova nel trial il massimo del divertimento, lui che non ama le luci della ribalta ma preferisce un pomeriggio in moto nelle pinete di Andorra.Un vero fenomeno… godiamocelo al di là della nostra fede motoristica.

 

di Ricky Vitali

  • Vintagetech, Torino (TO)

    A vederlo sembra che abbia ancora forze e voglia per dominare altri 5 anni. Ha la testa nella condizione migliore e si diverte. Bravissimo. Impressionante.
  • nickWR, Teolo (PD)

    Davvero un grande fenomeno, complimenti sinceri!
Inserisci il tuo commento